Il volume si presenta come una semplice trascrizione delle lezioni tenute nei tre anni accademici dal 2002 al 2005 presso l’Università degli Studi di Padova. Questa scrittura infatti ci è sembrata la più idonea a salvaguardare le “scintille”, cioè le intuizioni suggerite da alcuni testi di sant’Agostino colte nel mentre scaturivano dalla lettura di essi. Fra l’altro questa scelta ha permesso di valorizzare anche le introduzioni e le conclusioni delle lezioni, così autorevoli e a loro volta spunto per ulteriori approfondimenti. Il volume, dunque, non avanza una pretesa sistematica, anche se riteniamo sia possibile rintracciare la logica che lo percorre e che i titoli, a cominciare dal titolo complessivo del volume, intendono esplicitare. La stessa scelta di riprodurre il testo latino (mutuato dall’Opera omnia pubblicata da questa stessa casa editrice), a prezzo forse di qualche fatica per il lettore e prima ancora per chi ne ha curato la stesura, è stata suggerita dal fatto che il latino di sant’Agostino ci sembra lasci intravvedere nella sua limpida ricchezza le possibili sue esplicitazioni.

Il cuore e la grazia in sant’Agostino. Distinzione e corrispondenza Autore: Giacomo Tantardini Editore: Città Nuova